queenseptienna: (Kirk PEW)
[personal profile] queenseptienna
Quella de L'uomo di Marte è la prima recensione su un libro che scrivo da almeno un anno. Questo perché questo è il primo libro che leggo con piacere da altrettanto tempo.
Ho iniziato a leggerlo per il semplice fatto che ho saputo che ne verrà fatto un film con Matt Damon in uscita il mese prossimo, per tanto volevo essere preparata.

La trama, ci aiuta Wikipedia, è semplice:

L'astronauta NASA Mark Watney, ingegnere meccanico e botanico della missione Ares 3, la terza missione a portare l'uomo su Marte, viene abbandonato sul pianeta rosso dagli altri membri dell'equipaggio. La base, situata nella Acidalia Planitia, è infatti colpita da una violenta tempesta di sabbia, i cui venti superano i limiti di velocità tollerabili dal Mars Ascending Vehicle (MAV), il veicolo destinato a riportare in orbita marziana l'equipaggio. Durante l'evacuazione della base, il riflettore dell'antenna principale dello Hab (Martian habitat) viene strappato dal suo alloggiamento dalla forza del vento e si schianta sulle antenne minori; una di queste colpisce Watney e lo allontana dai compagni, trafiggendogli (ferendolo) la tuta e danneggiandone i sistemi di monitoraggio dei parametri vitali. Gli altri cinque membri della missione lo credono così morto, e, per non rischiare a loro volta la vita, decidono dopo una vana ricerca di abbandonare la base senza recuperarne il corpo.

Mi aspettavo il classico, tragico e drammatico libro di fantascienza. La verità è che questo libro è una commedia allo stato puro. Il buon Mark sopravvive per puro culo all'abbandono e si rifugia nella base marziana, che può garantirgli cibo per un mese e lui sa che dovrà rimanere su marte per almeno 4 ANNI (sempre che riesca a comunicare in qualche modo con la NASA) prima di avere la vaghissima probabilità di essere recuperato.
Ci si aspetterebbe disperazione, desolazione... no. Mark affronta la tragedia con un ottimismo inaspettato, coltivando patate, creando acqua e guardando brutte serie tv anni 70 sul portatile abbandonato dal suo comandante, o leggendo fumetti sul laptop di un altro collega e passando il tempo a chiedersi se il potere di Aquaman abbia potere anche sulle balene e i delfini.
Per contro c'è tutta la faccenda NASA, che "tragicizza" tutto per lui.
L'uomo di marte è un libro da quattro stelline e mezzo. Logorroico in alcuni punti, ma assolutamente spassosissimo e QUASI scientificamente accurato.
From:
Anonymous
OpenID
Identity URL: 
User
Account name:
Password:
If you don't have an account you can create one now.
Subject:
HTML doesn't work in the subject.

Message:

If you are unable to use this captcha for any reason, please contact us by email at support@dreamwidth.org


 
Notice: This account is set to log the IP addresses of everyone who comments.
Links will be displayed as unclickable URLs to help prevent spam.

Profile

queenseptienna: (Default)
queenseptienna

December 2016

S M T W T F S
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25 262728293031

Most Popular Tags

Style Credit

Expand Cut Tags

No cut tags
Page generated Sep. 26th, 2017 02:29 pm
Powered by Dreamwidth Studios